il Credito si fa semplice!

Contatti
  • Sede Legale: Via del Commercio, 11/12 - 17038 Villanova d'Albenga (SV)
    Direzione Generale: Via Giorgio e Guido Paglia, 17 - 24122 Bergamo (BG)
  • 393501480360
  • contact@auito-gruppo.com



Cessione del Quinto

Sei un lavoratore dipendente o un pensionato? AUITO Gruppo ti propone un finanziamento creato dal legislatore appositamente per te: il prestito Cessione del Quinto, finanziamento che puoi utilizzare per tutte le tue esigenze e rimborsare con rate mensili trattenute direttamente dallo stipendio o dalla pensione. I finanziamenti contro cessione del quinto sono stati disciplinati per la prima volta dal DPR 180 del 1950. AUITO Gruppo, mediatore creditizio leader del settore, mette a tua disposizione una grande professionalità e una profonda competenza, assistendoti nella scelta della soluzione più idonea alle tue esigenze. Contatta subito l'agenzia AUITO Gruppo più vicina.

La cessione del quinto dello stipendio o pensione, una straordinarie forme di finanziamento disciplinate dalla legge. Trattasi di un prestito pensato dal legislatore per tutte le categorie di lavoratori dipendenti, pubblici e i, sia a tempo indeterminato che determinato, lavoratori atipici e pensionati.

La Cessione del Quinto dello Stipendio o Pensione è un finanziamento a tasso fisso. A differenza di altre forme di prestito, le rate vengono trattenute direttamente sulla busta paga o pensione dal datore di lavoro o ente pensionistico nella misura massima di un quinto dello stipendio, fino ad esaurimento del debito.

Oltre a questa particolare e comoda forma di rimborso, la Cessione del Quinto è un finanziamento particolarmente vantaggioso, in quanto consente l'ottenimento di somme consistenti senza l'obbligo di specificarne la destinazione, permettendo una durata di pagamento da 24 a 120 mesi. L'accesso a questa forma di finanziamento non è condizionato da garanzie restrittive.

La garanzia del prestito risiede esclusivamente nell'essere percettori di reddito da lavoro dipendente o da pensione: la rata viene pagata finché c'è una busta paga o pensione su cui addebitarla. Soddisfatto questo presupposto non sono d'ostacolo al finanziamento eventuali pignoramenti o protesti in corso.

Vantaggi

Finanziamento a firma singola: non necessita, quindi, la firma di garanti o del coniuge;
Non occorre motivare la richiesta;
- Il finanziamento può essere concesso anche in presenza di pignoramenti, protesti o altri finanziamenti in corso;
- Restituzione attraverso trattenuta in busta paga o pensione;
- Rata massima 1/5 dello stipendio o pensione: la rata è fissa per tutta la durata del finanziamento, a prescindere dall'andamento dei mercati;
- Possibilità di consolidare o rinnovare finanziamenti;
- L'operazione è per legge garantita da una copertura assicurativa che interviene in caso di perdita del posto di lavoro o premorienza del cliente. Si precisa che la polizza rischio impiego prevede per la compagnia assicurativa il diritto di rivalsa nei confronti del Cliente per gli importi oggetto di indennizzo;
- Durata del finanziamento da 24 a 120 mesi.

Soggetti interessati

L'operazione prevede l'intervento di quattro soggetti: - L'ente erogante, che in base a quanto stabilito dalla disciplina del Testo Unico e della normativa vigente in materia bancaria, può essere esclusivamente una banca, o un intermediario finanziario non bancario (ex. Art. 106 Testo Unico Bancario) iscritto nell'apposito elenco tenuto dalla Banca d'Italia;
- Il cliente, definito cedente o mutuatario, che contrae il finanziamento, beneficia della somma ottenuta e contestualmente cede all'ente erogatore 1/5 del proprio stipendio o pensione mensile;
- L'amministrazione terza ceduta/ente pensionistico, è l'ente, statale o pubblico o l'azienda a, presso la quale lavora il cedente o l'ente che eroga la pensione, che dopo la notifica del contratto, dovrà provvedere a trattenere le competenze dal soggetto interessato e versarle mensilmente all'ente erogatore. L'amministrazione/ente pensionistico pur avendo un ruolo attivo nella operazione, è una figura che non interviene ai fini della stipula del contratto, che resta esclusivamente bilaterale tra l'ente erogatore (Banca/Intermediario finanziario) e il cliente. L'amministrazione/ente pensionistico provvede solo alla sottoscrizione della documentazione richiesta per l'istruzione della pratica;
- La compagnia di assicurazione che garantisce l'operazione. La normativa di riferimento prevede che il finanziamento sia sempre garantito da una polizza assicurativa che copra il rischio vita del cedente o della perdita dell'impiego (sia per dimissioni che per licenziamento).Relativamente ai pensionati la norma prevede la presenza della sola polizza sul rischio vita. Si precisa che la polizza rischio impiego prevede per la compagnia assicurativa il diritto di rivalsa nei confronti del Cliente per gli importi oggetto di indennizzo.

Destinatari

Fino a qualche anno fa era riservato esclusivamente ai dipendenti statali e pubblici, l'accesso alla cessione del quinto dello stipendio dall'inizio del 2005 è divenuto possibile anche per i dipendenti di aziende e.

Inoltre in base a quanto stabilito nella legge n.80/2005 del 14 maggio, i soggetti che possono utilizzare questa formula di credito non finalizzato è cresciuto ulteriormente e comprende anche i pensionati Inps, Inpdap ecc. nonché i dipendenti a tempo determinato e i parasubordinati.

• Dipendenti statali/pubblici
• Dipendenti di aziende e
• Pensionati
• Lavoratori Atipici